Italian English French German

il dolcetto delle Langhe Monregalesi D.O.C.

Print Friendly, PDF & Email

È riconosciuto D.O.C. con DPR del 6 luglio 1974. Le Langhe costituiscono l'area viticola piemontese di maggior prestigio. Si estendono lungo la sponda destra del Tanaro formando una sorta di penisola che comprende tutti i comuni viticoli della provincia di Cuneo. È qui, nella zona collinare di Mondovì, Briaglia, Castellino Tanaro, ecc. che si produce il Dolcetto delle Langhe Monregalesi.

Questo vino, prodotto anche nella tipologia Superiore, deriva dal vitigno omonimo, che è molto sensibile alla diversa composizione geologica del terreno su cui viene piantato, tanto da assumere sfumature differenti a seconda dei luoghi di produzione, anche se distanti soltanto pochi chilometri l'uno dall'altro. Si adatta molto bene anche sui terreni di altura, e per questo lo si trova spesso nelle Alte Langhe, fino a 600 metri di altitudine. Il Dolcetto si è ormai imposto alla ribalta dell'enologia internazionale creandosi un'ottima immagine come vino da tutto pasto, vivace, fragrante e con caratteristiche spiccate.

Come si consuma

Il Dolcetto delle Langhe Monregalesi è un vino molto versatile, ma si abbina soprattutto ai salumi, alle paste (asciutte e in brodo), a piatti di carni rosse e bianche, a formaggi freschi. Va servito a 16 - 18° entro due anni dalla vendemmia. Il Superiore è un vino adatto a preparazioni più strutturate, come primi piatti con salse saporite, carni e formaggi stagionati, e va servito entro tre anni dalla vendemmia.

Condividi

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Print Friendly, PDF & Email