Italian English French German

EMAS

Print Friendly, PDF & Email

110

Patrimonio naturale e attività umane sono indubbiamente elementi da gestire in maniera pianificata e coordinata. In caso contrario, infatti, assisteremmo ad un esaurimento progressivo delle risorse naturali e ad un peggioramento della qualità della vita presente e futura.

E' necessaria quindi una progettazione ambientale condivisa da cittadini, operatori economici, enti locali, turisti che operano, vivono, visitano e gestiscono il territorio, per realizzare così uno sviluppo economico e turistico sostenibile e duraturo. In particolare, la qualità ambientale di un luogo a forte vocazione turistica costituisce un valore aggiunto ed un elemento discriminante nelle scelte di un turista sempre più attento ed esigente.

Per questo motivo il G.A.L. Mongioie ha intrapreso nel 2006 il progetto di certificazione ambientale, portando il proprio territorio ad essere il distretto certificato EMAS più grande d'Europa.

379.jpg

Cos'è l'EMAS? EMAS, acronimo di "Ecomanagement and Audit Scheme" significa sistema di gestione ecogestione e di controllo.

Nel campo degli standard volontari di gestione ambientale la norma più diffusa a livello internazionale è lo standard ISO 14001, emanato nella sua prima versione nel settembre 1996 dall'International Organisation for Standardisation e revisionato nel settembre 2015.

A livello europeo lo strumento che consente ad un'organizzazione il riconoscimento della "certificazione ambientale" è il Regolamento CE 1221/09-EMAS III, aggiornato dal Regolamento (UE) 2017/1505, che riprende integralmente contenuti dello standard ISO 14001 e, in aggiunta, prevede una comunicazione verificata delle prestazioni ambientali e degli obiettivi di miglioramento alle parti interessate, attraverso la Dichiarazione Ambientale. 

84.jpg

Il progetto del G.A.L. MongioieIl G.A.L. Mongioie, consapevole del ruolo importante che le autorità locali svolgono per la tutela dell'ambiente e la valorizzazione del territorio e dei vantaggi derivanti da un approccio sinergico alle problematiche ambientali in un contesto territoriale omogeneo, ha promosso, nell'ambito dell'iniziativa comunitaria Leader Plus, il progetto di Registrazione EMAS dei Comuni del proprio territorio, creando così uno dei comprensori certificati più grande d'Europa. 

Il progetto, sviluppato in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria dell'Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture del Politecnico di Torino, si è sino ad oggi mantenuto attivo grazie alla regia del G.A.L. Mongioie, al supporto tecnico di A.C.S. srl – Spin Off del Politecnico di Torino ed all’attività del verificatore ambientale accreditato Rina Services SpA.

Attualmente il G.A.L. Mongioie risulta certificato secondo lo standard ISO 14001:2015 e 16 Comuni risultano registrati EMAS:

1) Comune di Alto (n. Reg. IT - 1551)

2) Comune di Battifollo (n. Reg. IT - 1770)

3) Comune di Briga Alta (n. Reg. IT - 1096)

4) Comune di Caprauna (n. Reg. IT - 1554)

5) Comune di Cigliè (n. Reg. IT - 1097)

6) Comune di Frabosa Soprana (n. Reg. IT - 1555)

7) Comune di Garessio (n. Reg. IT - 1057)

8) Comune di Igliano (n. Reg. IT - 1034)

9) Comune di Montaldo Mondovì (n. Reg. IT - 1546)

10) Comune di Nucetto (n. Reg. IT - 1099)

11) Comune di Roascio (n. Reg. IT - 1102)

12) Comune di Rocca Cigliè (n. Reg. IT - 1033)

13) Comune di Sale San Giovanni (n. Reg. IT - 1037)

14) Comune di Scagnello (n. Reg. IT - 1098)

15) Comune di Torresina (n. Reg. IT - 1036)

16) Comune di Vicoforte (n. Reg. IT - 1038)

I Comuni di Castelnuovo di Ceva, Frabosa Sottana e Roburent, pur non avendo ancora ottenuto la Registrazione EMAS, rientrano comunque nell’ambito dei Comuni virtuosi facenti parte del campo di applicazione della certificazione ISO 14001 del G.A.L. Mongioie.

Il Documento che rappresenta le linee di indirizzo in campo Ambientale del G.A.L. Mongioie è la Politica Ambientale del GAL Mongioie - anno 2018.

Ciascun Comune registrato EMAS ha inoltre definito una propria Politica Ambientale, integralmente riportata all’interno di ciascuna propria Dichiarazione Ambientale EMAS.

L'applicazione del regolamento EMAS. Il G.A.L. Mongioie ed i Comuni che hanno aderito allo schema EMAS hanno:

  • adottato un documento di politica ambientale in cui hanno indicato i proprio obiettivi e i principi d'azione in materia ambientale
  • effettuato un'analisi ambientale che ha permesso di analizzare il contesto e le aspettative delle parti interessate, associare alle attività svolte gli aspetti e gli impatti ambientali, identificando quelli più significativi
  • definito un sistema di gestione ambientale con regole condivise, che assicurasse il rispetto dei principi della politica ambientale ed il raggiungimento degli obiettivi di miglioramento prefissati
  • effettuato un audit ambientale, finalizzato a valutare l'efficacia del sistema di gestione e le prestazioni ambientali
  • predisposto una dichiarazione ambientale, principale documenti di comunicazione esterna finalizzato a fornire al pubblico informazioni sull'impatto e sulle prestazioni ambientali dell'organizzazione (solo Comuni EMAS)
  • superato la verifica di un verificatore accreditato
  • ottenuto la registrazione da parte del Comitato Ecolabel Ecoaudit, organismo competente dello Stato italiano per il rilascio della regisrazione EMAS (solo Comuni EMAS). 

371.jpg

Download delle Dichiarazioni Ambientali dei Comuni: di seguito sono scaricabili le Dichiarazioni convalidate dei Comuni in possesso di registrazione EMAS:

1) DA Comune di Alto

2) DA Comune di Battifollo

3) DA Comune di Briga Alta

4) DA Comune di Caprauna

5) DA Comune di Cigliè

6) DA Comune di Frabosa Soprana

7) DA Comune di Garessio

8) DA Comune di Igliano

9) DA Comune di Montaldo Mondovì

10) DA Comune di Nucetto

11) DA Comune di Roascio

12) DA Comune di Rocca Cigliè

13) DA Comune di Sale San Giovanni

14) DA Comune di Scagnello

15) DA Comune di Torresina

16) DA Comune di Vicoforte 

Condividi

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Print Friendly, PDF & Email

Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.